La durata dei programmi di una lavastoviglie è indicata in genere sul libretto istruzioni, infatti sono riportate tabelle con temperature,  tipi di stoviglie adatti per ciascun programma ed i  relativi tempi.

Le fasi del lavaggio di una lavastoviglie.

In particolare, un programma breve, è indicato con durata di 30 minuti, mentre uno normale 1,oo /1,30 h ed infine uno più lungo pure 2,00/3,00 h, talvolta però, i tempi di lavaggio che vengono indicati dalle tabelle non coincidono con la durata reale del lavaggio, difatti, su alcuni libretti vengono indicati i tempi di lavaggio con un valore minimo ed uno massimo, perchè la durata del ciclo di lavaggio può essere influenzata da diversi fattori.

Innanzitutto occorrerà ricordare che un ciclo di lavaggio sarà composto da determinate fasi:

  • lo scarico dell’acqua residua;
  • il carico dell’acqua;
  • il riscaldamento dell’acqua;
  • l’apertura dello sportello del detersivo.
  • Il lavaggio con acqua e sapone;
  • lo scarico dell’acqua del lavaggio.
  • La fase di risciacquo.
  • Lo scarico dell’acqua del risciacquo avvenuto.
  • L’asciugatura delle stoviglie.

Se soltanto una di tali fasi si rallentasse per qualche motivo, ne conseguirebbe un incremento della durata del ciclo che potrebbe non essere dipeso dalla lavastoviglie scelta, ma da ulteriori fattori quali la manutenzione non eseguita.

Tra le varie comuni cause che andrebbero ad alterare la durata dei programmi rientra l’intasata pompa di scarico o magari un eventuale rallentato riscaldamento delle resistenze dovuto ad accumuli di calcare.
Una bassa pressione dell’acqua in entrata, impiegherà più tempo a dover riempire la vasca, ci sarà allora un rallentamento del lavaggio.

Risulterà allora fondamentale per diminuire i tempi di lavaggio e quindi le spese, eseguire una corretta manutenzione della lavastoviglie in modo da poter evitare fastidiosi intasamenti o magari depositi calcarei.

Ulteriore fattore che potrebbe andare a determinare tempi di lavaggio più lunghi a differenza di quelli stimati sarà la presenza di stoviglie che sono più sporche, ovviamente ciò vale per quei tipi di modelli particolari provvisti di sensori che a seconda del grado di sporco potrebbero prolungare o ridurre i tempi di lavaggio, ulteriore motivo potrà essere legato anche problemi riguardanti la componente elettronica che è rappresentata dalla scheda.

Nel caso si scelga una lavastoviglie maggiormente evoluta, come potete vedere in questo articolo, si potrà  allora decidere come visto, per una dotata di sensori  che a seconda della tipologia di carico, imposterà in modo automatico la tipologia di lavaggio, senza bisogno di impostarlo manualmente.

Tali sensori agiscono con il controllo del livello di torbidità dell’acqua del primo risciacquo, sulla base di ciò verrà determinato il programma di lavaggio, con la relativa durata del ciclo, la temperatura dell’acqua ed il quantitativo di acqua da utilizzare.